Acque tranquille.

Ci sono simboli del profondo che parlano un linguaggio universale.
La casa è il nostro io più intimo, che come l’isola alberata di “Luna pigra”
o la magione-natante di “Una bella storia” è circondato dalle acque
imprevedibili e incontrollabili della vita.
C’è dell’angoscia in questa immagine? I pini d’alto fusto che l’attraversano
non se ne curano troppo ma continuano a proiettarsi con progetti
e desideri verso l’alto, cullati dalla onde. Invitano a offrirci al viaggio
nell’oro del giorno o nel candido biancore di una Luna-Pulcinella.
Una bella storia (2018)
45 x 35 cm.
Tarsie di poliuretano espanso e tessuti con elementi a riporto.
Luna pigra (2018)
50 x 40 cm.
dettaglio

Annunci

L’inventario.

Frammenti di ricordi, leggeri come pezzi di carta pieni di parole, si posano con discrezione tra i tasselli di un paesaggio tocano. Non resteranno fermi a lungo. Mossi dal vento porteranno in giro nel cielo il loro enigmatico inventario, per lasciarlo dialogare con nuvole candide di bucato.

L’inventario (2017)
53 x 64,5 cm.

Pannorami – Nuages in mostra.

TestataPANNORAMI

“Pannorami” di Nuages – morbidi approdi inaugurerà venerdì 17 ottobre 2014 alle 19.00
negli spazi del caffè letterario Portico 340, in via Tribunali, 340 Napoli.
La mostra resterà aperta fino a giovedì 23 ottobre, ingresso libero,
tutti i giorni dalle 10.00 alle 23.00 , chiuso martedì 21.

Le vedute su cui affacciano le finestre virtuali di Nuages sono soffici dune ritmate di tessuti.
Trame di colori e superfici ora ruvide ora luminose e cangianti catturano l’immaginazione in fotogrammi,
riportando le istantanee impossibili di sogni ad occhi aperti. È rilassante lasciare libero lo sguardo
in questi scenari. Tra scampoli di ricordi, brandelli di stoffe familiari e combinazioni di tessere
che dialogano insieme potrebbe esserci il nostro paesaggio interiore.

Basta cercarlo e tornerà ad accompagnarci bucando la neutra indifferenza di un muro.

Pannoramica